sicurezza idraulica

Il programma della lista Territori

Per il Consorzio 4 Basso Valdarno

Il programma è distribuito su otto punti.

Riguardano l’innovazione e miglioramento dell’efficacia, la sicurezza idraulica della pianura e pedecollina, le manutenzioni e il contrasto al dissesto in collina e montagna. Per quanto riguarda la città c’è un piano contro gli allagamenti, nel rapporto fra Comuni, Enti e associazioni, un rilancio collaborativo. Il piano include inoltre l’agricoltura, per la sicurezza idraulica di oggi e contro la sete di domani. Inserisce infine la partecipazione dei cittadini, la valorizzazione del personale e la formazione continua del territorio sui temi della cura ambientale.

Sicurezza idraulica, Qualità e Innovazione

Sono le tre chiavi di lettura del programma, che si snoda sui seguenti punti:

  • Potenziamento degli interventi, opere e progetti ad alto contenuto innovativo, come l’uso di sistemi intelligenti (rete di monitoraggio in tempo reale, automazione e controlli da remoto, meteorologia, software di gestione di sistemi complessi) che consentano il miglior utilizzo possibile della risorsa idrica,
  • maggiori interventi per i territori a fronte della frequente riduzione degli investimenti pubblici, quindi rinnovo di convenzioni e accordi di programma;
  • definizione della nuova figura dell’imprenditore di presidio (agricolo e
    artigiano) per svolgere le opere di servizio con i nostri consorziati;
  • informazione e condivisione con la popolazione per l’applicazione del Piano di Classifica, cioè l’insieme di azioni e interventi per impedire gli allagamenti delle  aree urbane e delle zone industriali, artigianali e commerciali;
  • proposte di progetto per la soluzione dei problemi idraulici dei territori, in particolare misure e interventi per la salvaguardia e la tutela del Padule di Fucecchio, nella Bonifica di Coltano, nelle aree collinari e montane a maggiore fragilità idrogeologica (montagna pistoiese, monte pisano, volterrano);
  • adozione di un Piano di medio periodo per l’ammodernamento degli impianti, a beneficio della sicurezza idraulica;
  • sviluppare il tema della produzione di energia da fonti rinnovabili per gli usi diretti del Consorzio;
  • garantire l’accessibilità all’acqua in quantità e qualità adeguata, nonché
    l’efficienza della sua distribuzione, anche a fronte dei cambiamenti climatici in atto.

I candidati e le dichiarazioni dei soggetti promotori

Come e quando si vota