discarica

Coldiretti contraria al conferimento di rifiuti conciari alla discarica di Rea

I vertici delle federazioni provinciali di Pisa e Livorno commentano negativamente l’annuncio dell’intesa fra Regione e industrie

“Siamo nettamente contrari all’accordo regionale per il conferimento di rifiuti del distretto conciario nella discarica di Scapigliato”. Una posizione chiara da parte di Simone Ferri Graziani, presidente di Coldiretti Livorno e Fabrizio Filippi, presidente di Coldiretti Pisa, che arriva all’indomani della notizia sull’intesa fra Rea Impianti, Regione Toscana e il Distretto conciario di Santa Croce.

“Si insiste su un territorio già affaticato a tutto danno dell’ambiente e dell’agricoltura. Lo smaltimento dei rifiuti conciari – spiegano i presidenti – già in passato ha creato grossi problemi ambientali, in particolare per il riutilizzo di questi scarti a fini agricoli e il loro trattamento. Lo ripetiamo pubblicamente: siamo da sempre contrari all’autorizzazione per l’ampliamento della discarica, e questo ulteriore accordo conferma la nostra posizione. Prendiamo atto che la Regione Toscana ha scelto nuovamente di procedere nonostante la contrarietà dei territori; la discarica ad oggi ci appare con tutta evidenza di interesse nazionale e non più solo territoriale“. 

“Al danno della discarica limitrofa, che incide negativamente sull’immagine dei prodotti territoriali, si aggiunge la beffa delle tariffe per lo smaltimento”, aggiunge Ferri Graziani. “Il Comune di Rosignano Marittimo infatti è uno dei comuni con la Tari più cara, spesso ingiusta e insostenibile per le aziende agricole e i cittadini”. “Crediamo che questi temi debbano essere al centro della prossima campagna elettorale per le amministrative”, sottolinea Ferri Graziani. “Le coalizioni che si candidano alla guida dei comuni interessati, Rosignano in particolare, dovranno dire in modo chiaro qual è la loro posizione e quali saranno le compensazioni, destinate ai territori, per lo svantaggio competitivo dato dalla presenza negativa di questo impianto”. Filippi rivolge lo stesso appello alla politica regionale: “Anche a chi si candiderà per le prossime elezioni regionali chiederemo una posizione chiara”.

I vertici provinciali di Coldiretti si schierano a fianco del comitato già operativo sul tema e lanciano infine un appuntamento di discussione pubblica: “Ci faremo promotori di un incontro a Rosignano, con cittadini e agricoltori, per ascoltare le voci del territorio e valutare eventuali nuovi azioni contro l’ampliamento”.

Comunicato stampa