Corrispettivi telematici, novità per la trasmissione

Gli operatori che alla data dell’1.7.2019 sono obbligati all’invio telematico dei corrispettivi (volume affari 2018 > di € 400.000) e non dispongono ancora di un Registratore di Cassa Telematico (RT) possono continuare a certificare i corrispettivi con le vecchie modalità (scontrino / ricevuta fiscale) fino all’attivazione del nuovo RT e comunque non oltre il 31.12.2019.

La trasmissione telematica è sostituita transitoriamente, al massimo fino alla predetta data, con l’invio dei corrispettivi all’Agenzia delle Entrate entro il mese successivo a quello di effettuazione dell’operazione.

Per l’invio si utilizza il servizio web all’interno del portale “Fatture e Corrispettivi” nell’area riservata dell’Agenzia Entrate che consente la trasmissione degli importi dei corrispettivi, suddivisi per aliquote, della singola giornata / singole giornate.

Con successivo provvedimento del Direttore dell’Agenzia delle Entrate verranno definite le modalità di invio dei dati dei corrispettivi giornalieri per i soggetti ancora sprovvisti di registratore telematico.